Lingua è cultura corsa
 
AccueilAccueil  FAQFAQ  RechercherRechercher  MembresMembres  GroupesGroupes  S'enregistrerS'enregistrer  ConnexionConnexion  

Partagez | 
 

 Lampedusa

Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Aller en bas 
AuteurMessage
Circione



Messages : 2157
Date d'inscription : 27/02/2012

MessageSujet: Lampedusa    Jeu 17 Oct - 23:48



U mare chì ci arvigne s'hè  fattu campusantu, si passa quì...

Esse indiferente  hè  una  cosa, un'antra cosa – ne parla a merressa di di Lampedusa chì hà lampatu una  chjama cummuvente  à l'Auropa dopu u  navifraghju – hè  di vedeci sguasi una spezia "d'esempiu" chì ghjuvarà à  calmà  i flussi migratorii.  Leghju  quì  è  culà ch'ellu  ùn saria accadutu nulla  s'elli  fussinu stati ind'è elli l'emigranti,  quessa  hè a  virsione  puliticamente curretta ma  ci hè dinù quill'altra menu "edulcorata" di certi cummenti : " Li stà  bè à  sti  nigracci, ùn   anu  cà stassi ind'è  elli,  ci n'hè  digià  troppu  quì. "

Certi anu trovu ancu manera si ridene : " Marée noire! mdr!"  Si  sà  chì  à  certi Pinzuti li piace ç dì  " Ci  vole  à  ride di tuttu", anch'eiu sò  d'accordu incù quessa, u prublema hè chì bellu aspessu  à  certi chì si piattanu daretu à st'argumentu li piace à  ride  sopratuttu di l'altri, è  quandu  l'altru hè  Arabu, Corsu o negru, ecc.  ridenu ancu di più.

A sò  annant'à  i  siti  d'infurmazione  ùn  ci  vularia mai à  leghje  i cummenti di certi cunnacci chì  ùn  sò boni  cà a  svirsà u so fele piatti daretu à l'ordì, ma aghju lettu,  è m'anu stumacatu.


Si parla quantunque  di 360 morti o ghjente, in lu  nostru mare, omi  donni  è  zitelli, ghjente chì u  so solu tortu  era di fughje a viulenza è  a persecuzione per offre un antru avvene à i so  figlioli.

Quessa à mè ùn mi  dà  tantu  voglia di ride, moltu più chì  sò  corsu  è  chì  cum'è  tutti i Corsi  st'affare mi face  dinù pinsà à tutti i nostri  vechji  chì sò partuti anch'elli à stantà u so pane in altrò, senza  ch'ellu  ci fussi nè  guerra nè  dittatura in Corsica, è  mi  dicu chì  tandu  "i  nigracci " eramu  noi.



Vi mettu a intervista  di a merressa di Lampedusa:



Citation :

Sono il nuovo Sindaco delle isole di Lampedusa e di Linosa
Eletta a maggio, al 3 di novembre mi sono stati consegnati già 21 cadaveri di persone annegate mentre tentavano di raggiungere Lampedusa e questa per me è una cosa insopportabile. Per Lampedusa è un enorme fardello di dolore. Abbiamo dovuto chiedere aiuto attraverso la Prefettura ai Sindaci della provincia per poter dare una dignitosa sepoltura alle ultime 11 salme, perché il Comune non aveva più loculi disponibili. Ne faremo altri, ma rivolgo a tutti una domanda: quanto deve essere grande il cimitero della mia isola?
Non riesco a comprendere come una simile tragedia possa essere considerata normale, come si possa rimuovere dalla vita quotidiana l’idea, per esempio, che 11 persone, tra cui 8 giovanissime donne e due ragazzini di 11 e 13 anni, possano morire tutti insieme, come sabato scorso, durante un viaggio che avrebbe dovuto essere per loro l’inizio di una nuova vita. Ne sono stati salvati 76 ma erano in 115, il numero dei morti è sempre di gran lunga superiore al numero dei corpi che il mare restituisce.
Sono indignata dall’assuefazione che sembra avere contagiato tutti, sono scandalizzata dal silenzio dell’Europa che ha appena ricevuto il Nobel della Pace e che tace di fronte ad una strage che ha i numeri di una vera e propria guerra.
Sono sempre più convinta che la politica europea sull’immigrazione consideri questo tributo di vite umane un modo per calmierare i flussi, se non un deterrente. Ma se per queste persone il viaggio sui barconi è tuttora l’unica possibilità di sperare, io credo che la loro morte in mare debba essere per l’Europa  motivo di vergogna e disonore.
In tutta questa tristissima pagina di storia che stiamo tutti scrivendo, l’unico motivo di orgoglio ce lo offrono quotidianamente gli uomini dello Stato italiano che salvano vite umane a 140 miglia da Lampedusa, mentre chi era a sole 30 miglia dai naufraghi, come è successo sabato scorso, ed avrebbe dovuto accorrere con le velocissime motovedette che il nostro precedente governo ha regalato a Gheddafi, ha invece ignorato la loro richiesta di aiuto. Quelle motovedette vengono però efficacemente utilizzate per sequestrare i nostri pescherecci, anche quando pescano al di fuori delle acque territoriali libiche.
Tutti devono sapere che è Lampedusa, con i suoi abitanti, con le forze preposte al soccorso e all’accoglienza, che dà dignità di esseri umane a queste persone, che dà dignità al nostro Paese e all’Europa intera. Allora, se questi morti sono soltanto nostri, allora io voglio ricevere i telegrammi di condoglianze dopo ogni annegato che mi viene  consegnato. Come se avesse la pelle bianca, come se fosse un figlio nostro annegato durante una vacanza.

Giusi Nicolini

_________________
Spunsurizatu  da l'UNESCO
Revenir en haut Aller en bas
Voir le profil de l'utilisateur
 
Lampedusa
Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Revenir en haut 
Page 1 sur 1
 Sujets similaires
-
» [Tomasi di lampedusa, Guiseppe] Le Guépard
» Tomasi di Lampedusa (Italie)
» LA NUIT DE LAMPEDUSA de Daniel Picouly
» Giuseppe TOMASI DI LAMPEDUSA (Italie)
» puisia di Lampedusa

Permission de ce forum:Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
ISULA :: Per isse sponde è da mare in là... :: Attualità :: Nutizie-
Sauter vers: